Mese: Marzo 2020

Trasformare gli endpoint in dispositivi di sicurezza per l’IoT: le soluzioni

Nella realizzazione di un piano di cyber security aziendale, uno dei punti fermi consiste nel trasformare gli endpoint in dispositivi di sicurezza per l’IoT. Facile a dirsi, ma ben più complicato da mettere in pratica.

Innanzitutto, bisognerebbe chiedersi quanti dispositivi IoT ci sono in azienda. Sembra una domanda banale, ma se la dovessimo porre al reparto IT di un’azienda, nella maggior parte dei casi non saprebbe dare una risposta precisa. Probabilmente saprebbe dire quanti router e quante videocamere di sorveglianza sono installate nel perimetro aziendale, ma solo pochi sarebbero in grado di dare una risposta completa, che include tutti i dispositivi IoT presenti, inclusi termostati, smart TV e tutti i dispositivi portati dai dipendenti nella filosofia BYOD (Bring Your Own Device).

700

Windows 10, problema con l’antivirus dopo l’ultimo aggiornamento | Libero Tecnologia

Nella classifica dei migliori antivirus 2020 fatta poche settimane fa da AV-Test, società tedesca indipendente che si occupa di cybersicurezza, l’antivirus gratuito Windows Defender si era dimostrato in grado di competere con molte soluzioni commerciali, raggiungendo un punteggio complessivo di 17,5 su 18 punti disponibili. Adesso, però, un bug ne mette in dubbio l’efficacia.

Il bug, neanche a dirlo, è spuntato dopo un aggiornamento di Windows e, come spesso capita con i bug introdotti dagli update di Microsoft, non riguarda tutti, ma molti. Se ne sta discutendo in modo abbastanza acceso anche sul forum ufficiale di Microsoft, dove diversi utenti con configurazioni diverse stanno riscontrando problemi simili. L’unica cosa che hanno in comune questi utenti sembrerebbe essere, almeno al momento, il fatto che hanno installato gli aggiornamenti di inizio marzo di Windows 10. Microsoft non ha ancora trovato una soluzione a questo problema.

Windows Defender: il bug dopo l’aggiornamento

Il problema riscontrato da tanti utenti è che, in seguito all’aggiornamento, durante la scansione antivirus Windows Defender “salta” alcuni file. Non tutti i nostri documenti e applicazioni, quindi, vengono controllati e, di conseguenza, potrebbero contenere un virus. In pratica Windows Defender, alla fine della scansione, comunica all’utente che alcuni file sono stati saltati a causa delle impostazioni di rete. La cosa succede sia in caso di scansione rapida che in caso di controllo approfondito dei file in cerca di virus.

L’aggiornamento di Windows Defender che crea il problema sembrerebbe essere il 4.18.2003.4-0. Microsoft sembra essere a a conoscenza del bug, ma non ha ancora pubblicato la patch né ha risposto ufficialmente alle domande degli utenti.

di Windows Defender: cosa fare?

Visto che non arriva una risposta ufficiale da Microsoft, molti utenti si stanno chiedendo se non sia il caso di installare (almeno temporaneamente) un antivirus diverso da Windows Defender. La cosa più sensata da fare, in questo momento, è fare una scansione con Defender e vedere se il bug si replica anche sui nostri computer: in tal caso, in attesa della patch, si può installare un altro antivirus. Altrimenti non c’è alcun motivo per farlo.

https://tecnologia.libero.it/windows-10-problema-con-lantivirus-dopo-lultimo-aggiornamento-34767